LA NUOVA CONFIGURAZIONE DELL’ ATTIVITÀ AMMINISTRATIVA DOPO IL DECRETO SEMPLIFICAZIONI

Primo appuntamento dedicato allo studio di una materia in perenne trasformazione, attraversata da incessanti riforme normative e innovazioni giurisprudenziali. Gli operatori, gli amministrativisti, i funzionari e gli studiosi potranno approfondire tutti gli snodi nevralgici e critici del diritto amministrativo sostanziale e processuale.

IL CORSO IN DIRETTA STREAMING
IN GIORNATA UNICA VENERDÌ 05 FEBBRAIO 2021
ORARIO 09:00 — 14:00

RELATORE: DOTT. TIZIANO TESSARO

L’accesso potrà essere effettuato tramite pc o tablet, utilizzando la piattaforma Zoom.

ISCRIZIONE

Per l’iscrizione è necessario inviare comunicazione a info@internationalonlineuniversity.it, chiamare al numero +39 04291905409 o al numero +39 3801829863, utilizzare l’apposito modulo di pre-iscrizione online o inviare via email il modulo di iscrizione compilato.

modulo di iscrizione online *

LA NUOVA CONFIGURAZIONE DELL’ ATTIVITÀ AMMINISTRATIVA DOPO IL DECRETO SEMPLIFICAZIONI

per accedere al modulo di iscrizione
CLICCA QUI

* La compilazione di questo form è necessaria per effettuare una corretta richiesta di iscrizione al corso. Una volta completato il form ti ricontatteremo in breve tempo per fornirti ulteriori dettagli e informazioni riguardanti il corso e per confermare la tua iscrizione.

PROGRAMMA

PRIMA PARTE — I PRINCIPI E LE CONNESSE IMPLICAZIONI OPERATIVE

Le nuove regole introdotte dagli ultimi provvedimenti normativi e dalla prassi amministrativa

  • La stesura di un atto amministrativo: gli obiettivi da raggiungere.
  • Le tre regole fondamentali per la redazione dell’atto: linguaggio, legittimità e liceità.
  • La prima regola: la correttezza formale dell’atto amministrativo. Il linguaggio dell’atto e le indicazioni del Dipartimento Funzione Pubblica (il Manuale di Stile e la Direttiva del 24 ottobre 2005): chiarezza, semplicità e ordine del testo.
  • La seconda regola: la nuova legittimità sostanziale imposta dalla riforma della L. n. 241/90.
  • Esame delle figure principali. I vizi degli atti amministrativi e del procedimento. La nullità, l’illegittimità e l’inefficacia. La categoria dell’irregolarità e l’individuazione dei vizi meramente formali (art. 21 octies, L. n. 241/90).
  • La terza regola: la liceità del trattamento dei dati e il rispetto delle regole sulla riservatezza.

SECONDA PARTE — L’applicazione delle nuove regole e del metodo. Come si scrive un atto amministrativo

  • I metodi usati normalmente nella prassi: il “copia e incolla” e l’uso dei precedenti. L’individuazione di un nuovo metodo scientifico: il collegamento tra forma e sostanza dell’atto.
  • Come si deve scrivere un atto amministrativo coniugando teoria e pratica.
  • La teoria degli atti: definizione e individuazione degli elementi essenziali. Il concetto di procedimento amministrativo e le sue fasi.
  • La stesura in concreto di un atto amministrativo: l’individuazione degli elementi realmente indispensabili per la redazione dell’atto. L’esclusione degli elementi meramente formali. L’intestazione, il preambolo, la motivazione e il dispositivo come elementi essenziali.
  • Il rispetto delle regole sulle competenze. La separazione tra atti di indirizzo e atti di gestione: loro individuazione e caratteristiche. Atti amministrativi e atti di diritto privato. Atti degli Organi politici e atti dei dirigenti. L’individuazione delle figure soggettive: il dirigente, il responsabile del servizio, la posizione organizzativa, il responsabile del procedimento. I poteri del responsabile del procedimento e il collegamento con le fasi del procedimento. Il problema della delegabilità delle funzioni. Le modifiche introdotte dalla Legge n. 69/09 sui tempi di conclusione dei procedimenti e relative responsabilità.
  • Il preambolo e la motivazione: collegamenti formali e sostanziali. I procedimenti a istanza di parte e i relativi adempimenti. L’avvio del procedimento e il preavviso di rigetto. I procedimenti a istanza di parte .Le modifiche introdotte dal D.L. semplificazioni. Gli accorgimenti pratici e gli errori da evitare. Le indicazioni del Garante della privacy (Deliberazioni n. 17/07 e n. 23/07). La formula operativa. Il trattamento dei dati sensibili e le fattispecie particolari. Il dispositivo. Il collegamento con la fase costitutiva del procedimento e con il contenuto dell’atto amministrativo. Il regime degli allegati. Le indicazioni del Garante della privacy in tema di dati sensibili: gli accorgimenti operativi. I riferimenti puntuali e l’indicazione dei nomi negli atti(Garante della privacy ,delibera n. 88/2011). I casi problematici: l’erogazione dei contributi assistenziali, ecc. Gli errori da evitare.

L’applicazione pratica: un modello di esercitazione

  • La formulazione dell’intestazione, del preambolo, della motivazione e del dispositivo.
  • Proposta di una check list per la corretta redazione dell’atto.

TERZA PARTE — Pubblicazione, accesso e privacy nella tecnica di redazione degli atti

  • La stesura degli atti e la loro pubblicazione all’albo pretorio previsto dall’art. 32 della legge 69/09: le nuove regole in materia di riservatezza. Gli accorgimenti suggeriti dal Garante. Gli originali, le copie e gli estratti.
  • Le problematiche applicative della pubblicazione on line : profili soggettivi, oggettivi, procedimentali.
  • Il ruolo del regolamento ex art. 10 del dlgs. 267/2000. Suggerimenti pratici
  • Casistica e giurisprudenza .Analisi di casi trattati dal Garante della privacy (delibere n. 88/2011 ,n.23/2007 e n. 17/2007).

COSTI

Il costo del corso sarà di € 149,90 IVA INCLUSA. La quota comprende l’accesso alla diretta del corso, il materiale didattico e la possibilità di rivedere la registrazione per tot giorni.

× Linea Diretta Whatsapp!
X